sabato 27 settembre 2014

Book Tag

Buon week-end a tutti quanti! Sara (che ringrazio molto), del blog All About That Book, mi ha taggata in questo tag molto carino (scusate il gioco di parole). 
Avete voglia di rispondere con me?

1.Preferiresti leggere solo trilogie o solo romanzi auto-conclusivi?
Al momento sono più propensa ai romanzi autoconlcusivi. Il fatto è che non riesco ad aspettare un intero anno (o più) per aspettare il seguito, anche perché, una volta uscito, non ho più quella smania di leggerlo poiché mi sono dimenticata metà delle cose successe nel libro prima...



2.Preferiresti leggere solo autori o solo autrici? 
Mi è indifferente. Forse propenderei più per gli autori perché molte autrici, scrivendo da un punto di vista quasi esclusivamente femminile, tendono a ricreare delle situazioni troppo spesso smielate piuttosto che pensare all'azione. Sarò strana, ma preferisco combattimenti all'ultimo sangue alle storie strappalacrime. 

3.Preferiresti comprare solo alla Feltrinelli o solo su Amazon?
Da me non c'è la Feltrinelli. Ma se ci fosse, la mia risposta sarebbe dipende. Se devo fare acquisti grossi preferisco affidarmi ad amazon perché sono pigra e non ho voglia di scarrozzare 5-6 libri in giro per tutta la città. Tuttavia sono comunque un'assidua frequentatrice di librerie: è un posto dove puoi sempre scoprire qualcosa di nuovo.

 
4.Preferiresti vedere i libri diventare film o serie tv? 
Se proprio dovrei scegliere, direi film. ODIO quando mi stravolgono i libri e in una serie TV sarebbe necessario farlo, mentre in un film non è detto (fin'ora l'ha capito solo Francis Lawrence, ma vabbé).

 
5.Preferiresti leggere 5 pagine al giorno oppure 5 libri alla settimana? 
Cinque libri alla settimana, e qualche anno fa era di consuetudine. Io ho la mania che se blocco la lettura, devo bloccarla a fine capitolo, non esiste mollare un capitolo a metà. E poi se leggessi cinque pagine al giorno, cosa cavolo recensirei qui?

6.Preferiresti essere un recensore professionista o un autore?
Domanda difficile. Un giorno mi piacerebbe buttare su carta (o computer) una delle mie storielle mentali (sì, fin da piccola mi diverto ad inventare storie di tutti i tipi), però l'idea che poi qualcuno possa leggerle e non apprezzarle un po' m'impaurisce. E' sempre più facile giudicare che essere giudicati. E poi se fossi una recensitrice (?) professionista mi regalerebbero un sacco di libri da leggere! :3



7.Preferiresti leggere solo i tuoi 20 libri preferiti o leggere solo libri nuovi?
Tendenzialmente preferisco leggere libri nuovi, anche se ci sono quei libri che ogni tanto devo rileggere per una qualche necessità interiore.

 8.Preferiresti essere una bibliotecaria o una libraia? 
Libraria. Mi diverte molto scoprire le uscite future, e poi le librarie sono sempre allegre mentre di bibliotecarie/i contente/i non ne ho mai viste/i!

 9.Preferiresti leggere solo i tuoi generi preferiti o tutti gli altri?
Non so, il fantasy è sempre stato il mio genere preferito fin dai tempi di Geronimo Stilton e il Regno Della Fantasia, per poi passare a Piccoli Brividi e arrivare fino ad oggi. Ho letto anche altri generi e ci sono libri che mi sono piaciuti molto, però in linea di massima preferirei restare nel mio genere anche se alla lunga può annoiare.


10.Preferiresti leggere solo libri fisici o solo e-book? 
Libri fisici. Voglio bene al mio Bibook (si chiama così il mio Kindle) ma non c'è paragone. Bibook è comodo, leggero e da quando l'ho comprato mi avrà fatto risparmiare centinaia e centinaia di euro, però i cartacei hanno quel qualcosa in più. L'odore della carta, la sensazione che provi sfogliando le pagine... sono cose che nessuna tecnologia potrà mai imitare.


Nanw.

giovedì 25 settembre 2014

W... W... W... Wednesdays #13

W... W... W... Wednesdays è una rubrica ideata dal blog Should Be Reading e per partecipare basta rispondere a queste tre semplici domande: 



  • What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)
  • What did you recently finish reading? (Cos'hai appena finito di leggere?)
  • What do you think you’ll read next? (Quale sarà la tua prossima lettura?



Nanw:

Cosa stai leggendo?

Sono ancora ferma al secondo capitolo, perché con l'inizio dell'università mi sono ritrovata senza buchi per leggere, ma pian piano in grano e trovo i miei spazi. L'inizio promette bene, io sono per i vampiri cattivi che sbranano le persone e solo nel primo capitolo muore un'intera combriccola di ragazzi. Vedremo!









Cos'hai appena finito di leggere?



Trovate la mia recensione nel post precedente.


Quale sarà la tua prossima lettura?

Devo assolutamente finire la trilogia delle Origini in versione manga, così poi posso fare una mini-recensione. La Principessa dei tre è quello che mi è piaciuto meno, e chi ha letto il finale e conosce il mio sconfinato amore per un certo personaggio capisce il perché (sono arrivata a tirare una riga - a matita, sia charo - sull'epilogo, perché proprio non lo accetto). Tuttavia lo leggerò comunque perché amo questa trilogia, anche se l'epilogo per me non esiste. U.U

mercoledì 24 settembre 2014

The One - Kiera Cass

Buongiorno lettori! Mamma mia, è dura ricominciare a studiare dopo due mesi di vacanza in cui non ho fatto assolutamente nulla se non stare dietro al blog... vi prometto che riuscirò ad ingranare e ritrovare un equilibrio!
Comunque, oggi ho da presentarvi la recensione di The One, ultimo libro della trilogia distopica (???) di Kiera Cass. Se avete letto le mie recensioni di The Selection (qui) e The Elite (qui), saprete già che non sono una fan della saga, quindi non vi sorprenderete troppo se anche questo terzo capitolo non è stato valutato troppo bene...
La recensione è assolutamente free spoiler!
Attenzione: la seguente recensione potrebbe contenere spoiler per chi non avesse letto i primi due libri.

Titolo: The One (the Selection #3)
Autore: Kiera Cass
Prezzo: 17,90 euro
Data di uscita: 9 settembre 2014

Trama:
La Selezione ha cambiato per sempre la vita delle trentacinque ragazze partecipanti. E ora, dopo mesi di prove, è finalmente giunto il momento di proclamare la vincitrice. Perché solo una di loro può aspirare alla corona. Per America Singer l'emozione e la confusione del suo primo giorno a Palazzo sono ormai solo un ricordo. Mai avrebbe immaginato di arrivare così vicino al traguardo, o al cuore del principe Maxon. Eppure per lei non è stato facile. Costantemente in bilico tra i suoi sentimenti per Aspen, guardia a Palazzo e suo primo amore, e la crescente attrazione per Maxon, ha dovuto lottare con tutta se stessa per arrivare dov'è ora. Adesso, a un passo dalla fine, America però non può più permettersi incertezze. Deve scegliere il futuro che vuole. E combattere. Prima che qualcuno lo faccia per lei. 



Valutazione

Recensione:

Cara America, che problemi hai? Lo sapete, io e America ci stiamo antipatiche e non possiamo farci nulla, però qualche criticuccia all'autrice per la costruzione del personaggio ci sta. L'ho già anticipato nella rubrica W... W... W... Wednesday, ma voglio ribadirlo anche qui: non riesco proprio a capire come la Cass possa valutare positivamente i comportamenti che ha appioppato ai suoi personaggi. America è un'indecisa cronica, un'egoista, un'opportunista, è irrispettosa e certe volte addirittura prepotente, ma la Cass vuole a tutti i costi farla passare come l'eroina che non è. Okay, forse un paio di volte è stata coraggiosa, ma ciò non fa di lei un'eroina.
Maxon mi è sempre sembrato un furbone con mille scuse. Io di un tipo che un minuto prima mi dice che sono la sua preferita e quello dopo slinguazza con un altra, lo avrei preso a sberle e basta. E poi dai, la scusa "eh sai, America, io sono sempre stato uno sfigatello senza esperienze amorose, devo prima slinguazzare con tutte per capire se ti amo davvero" non regge.
Aspen a me fa solo pena. E' semplicemente una figura sullo sfondo a cui non è permesso parlare, perché ogni volta che ci prova, America lo zittisce e gli dice che non ha voglia di parlare. -.-
Eravamo amici che avevano capito di non voler restare lontani. Diversi sotto molti aspetti, simili sotto altri. Non avrei definito destino quello che ci legava, però sembrava più grande di qualsiasi altra cosa avessi conosciuto in precedenza.
Il finale è decisamente prevedibile, ma mi fermo qua con i commenti altrimenti finisce che faccio spoiler. Ciò che invece mi ha sorpresa sono state le morti... sì, totalmente inaspettate, ma buttate lì alla rinfusa. Oltre al fatto che certe morti proprio non avevano alcun senso, i poveri defunti dopo non vengono nemmeno commemorati in qualche modo. Al massimo si leggono frasi del tipo "Non me ne rendo ancora conto. Beh dai, vieni qui e parliamo dei nostri assurdi sentimenti.". Niente, nada, come se non fosse successo nulla. Ma allora, che senso ha?
《[...] Se mi vuoi tanto quanto hai sempre sostenuto, perché questa storia non è già conclusa?》[...] 《Perché per metà del tempo sono stato convinto che tu a massi qualcun altro e per l'altra metà ho dubitato che potessi mai amare me》, rispose facendomi sentire un verme.
La trama è abbastanza tirata. Spesso America interrompe discorsi importanti con scuse assurde e lì si capisce chiaramente che l'autrice lo fa solo per aggiungere qualche pagina in più al libro.
Tuttavia, UDITE UDITE, c'è un abbozzo di distopia in questo terzo libro! Dico abbozzo perché le cose non vengono spiegate troppo chiaramente: i ribelli del Sud semplicemente vogliono fare casino, sono degli anarchici ben organizzati (sé, proprio tipico degli anarchici...), ma non appaiono mai veramente; i ribelli del Nord invece si scopre che sono più di quanti potessimo immaginare, hanno soldi ma si vestono da straccioni, e vogliono abolire le caste. Se solo il tema delle caste fosse stato approfondito meglio, questa saga poteva davvero avere del potenziale!

Il re progettata di dividere e conquistare, di rendere ogni casta assurdamente grata di ciò che aveva - anche se tutte venivano trattate come prive di valore -, e fare in modo che non si mescola sesso fra loro, perché tanto non avrebbero potuto comprendere la sitazione di chi era al di fuori della propria casta.
Sono decisamente troppo femminista per apprezzare dei libri del genere e non potrò mai capire come questa trilogia abbia riscosso così tanto successo. Insisto col dire che probabilmente questa storia può piacere solo ad un pubblico molto giovane e con poche pretese.


Nanw.

venerdì 19 settembre 2014

Libri al Cinema #6

Ciao a tutti! Visto le novità di questi ultimi giorni, ho pensato di aggiornare la rubrica Libri Al Cinema.




THE HUNGER GAMES: MOCKINGJAY PT.1

Iniziamo con l'attesissimo trailer di Mockingjay: WOW! Forse ne valeva la pena di aspettare così tanto, perché è davvero bello. Ammetto che il trailer di Catching Fire mi ha emozionata di più (avevo la pelle d'oca ogni volta che lo guardavo), però anche questo è stato qualcosa di epico. Sto amando sempre di più Francis Lawrence. 
Un'unica cosa: pare solo a me o hanno sbagliato qualcosa con la parrucca di Katniss? A me sembra troppo indietro... *domande esistenziali alquanto inutili*

Trailer sub-ita:







SCRIVIMI ANCORA

In questi giorni è uscito anche il poster italiano di Scrivimi Ancora, che sarà nei cinema a partire da 30 ottobre, ma verrà presentato in anteprima al Festival Internazionale Del Film di Roma (16/25 ottobre). Io sono davvero curiosa di vederlo. (per avere altre informazioni click qui)

Sinossi:
Rosie e Alex si conoscono sui banchi di una scuola di Dublino e iniziano a scriversi messaggi su biglietti di carta. A poco a poco diventano inseparabili fino a quando quelle lettere tradiscono un sentimento nuovo, che li confonde e li appassiona. Un amore impossibile da esprimere, con tutte le contraddizioni tipiche di quell’età. Ma quando i due prendono coscienza di ciò che li lega veramente, Alex deve abbandonare Rosie e trasferirsi con la sua famiglia negli Stati Uniti. Straordinario collage di lettere, e-mail, bigliettini, sms e cartoline, Scrivimi ancora è un romanzo delicato e indimenticabile che a ogni pagina commuove e fa sorridere al tempo stesso. Una storia sugli scherzi del destino e sulla forza del vero amore.





CITTÀ DI CARTA


E stata scelta l'attrice che interpreterà Margo, protagonista femminile del romanzo di John Green. Si tratta di Cara Delevingne, la cui interpretazione ha sorpreso lo stesso John Green, come ci riferisce egli stesso tramite Twitter.
Non so, personalmente non me la immaginavo affatto così, quantomeno gli occhi azzurri come la vera Margo ce li ha. Non so proprio cosa aspettarmi, non ci resta che attendere l'uscita del film (31 luglio in U.S.A.) e giudicare come solo le vecchiette di paese sanno fare!





MAGISTERIUM - L'ANNO DI FERRO

Sono rimasta abbastanza colpita da questa notizia quando l'ho letta: i diritti cinematografici di Magisterium, romanzo scritto da Cassandra Clare e Holly Black, sono stati acquistati dalla Constantin Film (la stessa di City Of Bones). Inoltre Cassandra ha da poco confermato che la sceneggiatura è appena stata completata e che a scriverla sono state la stessa Clare insieme ad Holly Black.
Insomma, da noi il libro non è ancora uscito e stanno già pensando di farne un film, la cosa promette bene.
Vi ricordo che il libro in Italia uscirà a novembre ma che non c'è ancora una data precisa.

fonti


THE GIVER

Bene, bene, per concludere il post vi parlo delle mie impressioni riguardo il film The Giver, tratto dall'omonimo romanzo di Lois Lowry. Premetto che non ho letto prima il libro per scelta, siccome già sapevo che il film sarebbe stato diverso e quindi non volevo rovinarmelo continuando a paragonarlo con il libro, anche perché di solito vince sempre quest'ultimo e finisce che non mi godo il film.
Comunque, il film mi è piaciuto molto e mi ha incuriosita, probabilmente presto mi leggerò i libri della Lowry per scoprire che accade. 
The Giver è un distopico, ma è totalmente diverso dai suoi compagni di genere, come Hunger Games e Divergent. E' qualcosa di differente e forse più genuino e tranquillo: non c'è un nemico mortale da sconfiggere, c'è semplicemente il costante interesse di vedere oltre le cose e alcuni non vogliono farlo. Certe parti in cui il Donatore mostra a Jonas il passato degli uomini mi hanno addirittura commossa. Il film riesce a mostrare con molta semplicità il bene e il male che c'è nell'uomo e che non ci sarà mai un mondo completamente buono, anche se fosse super controllato come quello di Jonas.
In conclusione, The Giver mi è piaciuto molto e lo consiglio a tutti voi! ;)




Alla prossima, con nuovi aggiornamenti!

Nanw.

mercoledì 17 settembre 2014

Ancora Un Capitolo approda su Bloglovin'

Post inutile dove blatero a vanvera, potete tranquillamente non leggerlo! :P

Beh, non so esattamente come funzioni la cosa, seguo le istruzioni fedelmente e spero in una riuscita. Non sono pratica di Bloglovin', ho sempre preferito seguire i miei blog preferiti da blogger, però ultimamente mi fa degli scherzetti e quindi ho pensato di provare qualcosa di diverso, e già che c'ero ho voluto aggiungere anche Ancora Un Capitolo. 
Follow my blog with Bloglovin

Fine.

 Nanw.

W... W... W... Wednesdays #12

W... W... W... Wednesdays è una rubrica ideata dal blog Should Be Reading e per partecipare basta rispondere a queste tre semplici domande: 


  • What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)
  • What did you recently finish reading? (Cos'hai appena finito di leggere?)
  • What do you think you’ll read next? (Quale sarà la tua prossima lettura?


Comunicazione: prima di procedere voglio fare una piccola comunicazione. Avevamo promesso un giveaway per il compleanno della pagina, e ci sarà, tuttavia al momento abbiamo qualche problema tecnico perché Alaska ha problemi di connessione (infatti come avrete notato abbiamo sospeso un po' di tag che facevamo insieme). Non appena avremo novità ve lo faremo sapere, speriamo non vada via troppo tempo. :)

 
Nanw:

Cosa stai leggendo?



Che dire? Sto andando a rilento nonostante sia un libro davvero breve, poiché ogni tre secondi sento questo incredibile bisogno di scrivere una lettera minatoria a Kiera Cass. Adesso, capisco affezionarsi ai propri personaggi, ma la Cass o ha problemi caratteriali o ha il prosciutto sugli occhi quando si tratta di America. E' una stronza totale, si comporta come la principessa sul pisello mentre Maxon in realtà va in giro a sbaciucchiarsi anche tutte le altre (sembra un ingenuo ma per me è un gran furbo) e la Cass continua non solo a giustificare i suoi comportamenti, ma osa anche etichettarli come qualità. Ma in che mondo vivi? 
Almeno dopo 10 capitoli sembra aver deciso di chi è innamorata...


Cos'hai appena finito di leggere?



Recensione qui. :D

Quale sarà la tua prossima lettura?

Ehmm... saperlo! Penso I Segreti di Coldtown di Holly Black perché l'altro giorno ho letto il primo capitolo tanto per vedere come fosse scritto e mi ha incuriosita.

domenica 14 settembre 2014

Underworld - Samantha M. Swatt

Buona domenica! Oh mamma, domani primo giorno di università... panicooo! Okay, cerco di distrarmi un po' scrivendo la recensione di Underworld, l'ultimo libro che ho letto. 
Underworld è un fantasy un po' paranormal... credo. Sono un po' indecisa su questo libro e ora vi spiego il perché.

Titolo: Underworld
Autore: Samantha M. Swatt
Prezzo:  2,99 (solo formato e-book)
Data di uscita: 10 giugno 2014

Trama:
«Chiunque, sotto la superficie, custodisce un segreto.»
Il Caledon College Institute è il college privato più ambito e facoltoso di tutta la Pennsylvania. Entrarci, infatti, non è così semplice. Holly Williams, vent’anni, ha avuto il privilegio di farne parte. È un anno, difatti, che la ragazza, dopo aver superato un difficile test di ammissione, studia per diventare giornalista all’istituto. Regole ferree, disciplina esemplare, modi impeccabili e grande voglia di apprendere, questo è il clima che si respira al campus. Nulla di meglio per Holly, la quale, a causa del suo travagliato passato, non desidera altro che una vita tranquilla, al contrario della sua compagna di stanza, Elisabeth Townsend, ragazza dal carattere estroverso e con il sorriso perennemente stampato in faccia. Quando, però, il nuovo anno apre i suoi cancelli ai nuovi studenti, l’esistenza di Holly è destinata a sprofondare nell’abisso. La sua vita non sarà mai più la stessa. Cosa sono le voci che sente tutte le notti? A chi appartengono le ombre che scorge nei corridoi del dormitorio? E, soprattutto, perché quando perde il controllo accadono cose inspiegabili? Queste e molte altre sono le domande a cui Holly non riuscirà a dare una risposta. Di certo, non da sola.
Tensione, paura, segreti da svelare, coincidenze inspiegabili. Legami del tutto inaspettati si formeranno, altri si rafforzeranno. Un gioco pericoloso che, lentamente, porterà Holly a scoprire che c’è qualcosa di sinistro nascosto tra le mura di quel college.

 
Valutazione

Recensione:

Ultimamente mi diverto a spulciare tra le proposte di Amazon, e così ho scoperto questo libro. Underworld è il primo di una serie scritta e autopubblicata da Samantha Swatt, e sicuramente va contro tutti i cliché del fantasy. Solitamente sono la prima a schierarsi contro i cliché del genere, però non sono certa che questa sovversione mi sia piaciuta. E' stato davvero difficile valutare questo libro perché, se da una parte la trama mi ha coinvolta, dall'altra ho pensato più e più volte "CHE CONFUSIONE!". Mi piace leggere qualcosa di nuovo però è contro il mio credo mischiare la mitologia greca con quella nordica o addirittura "religiosa" (angeli e demoni, per intenderci). E' veramente troppo per me, oltre al fatto che trovo il tutto davvero difficile da spiegare (cosa che l'autrice non ha fatto, difatti).
Avevo passato vent'anni della mia vita considerandomi una ragazza nella norma, a volte anche insignificante rispetto ad altre. Ed ora, all'improvviso, scoprivo che non era affatto come pensavo.
Un'altra cosa che mi ha generato confusione è il numero dei personaggi: troppi troppissimi! Solo nei primi due capitoli mi venivano presentati almeno dieci personaggi tutti in una volta. Molti si potevano benissimo eliminare perché alla fine non hanno dato tutto questo contributo alla storia; alcuni erano addirittura solo dei nomi buttati lì. Ho davvero pensato di prendere un foglio e farmi uno schemino ad un certo punto, perché proprio non ne venivo fuori; non ricordavo più chi fosse questo o chi fosse quello, non ricordavo che aspetto aveste questo qui o quello lì. Insomma, una grande confusione. Ed è un peccato, perché sento di non essermi affezionata a personaggi importanti, come ad esempio Michael, la cotta della protagonista. Boh, ho finito il libro e questo personaggio mi diceva poco niente. 

Per quanto riguarda la protagonista, Holly, non so ancora se mi piaccia o no. E' coraggiosa e molto determinata, qualità che apprezzo, però sento che non mi ha conquistata completamente e non so il perché. Invece adoro la sua migliore amica, Beth, mi sta davvero simpatica e mi piace molto il loro rapporto di amicizia.
Un'altro personaggio che mi piace è Brian. Inizialmente era insopportabile, però poi... Holly come fai a non capire che è cotto di te?! E poi c'è David, che fisicamente è quello che mi piace di più, ma anche caratterialmente m'incuriosisce molto. Insomma, Holly ha tre figoni che le vanno dietro e io non so per chi tifare (Michael a parte, lui non mi dice niente)! Ma il romance non è l'ingrediente principale di questa storia, anzi, in questo primo volume è praticamente assente e a me va giusto bene, non sono in vena di storie d'amore smielate. u.u
Altra piccola noticina: i protagonisti hanno dai 20 ai 24 anni e solo chi ha letto la mia recensione di Poteri Spezzati sa quanto io apprezzi la cosa. Più invecchio e meno sopporto i problemi adolescenziali. Scusatemi, è l'età.
Troppo stanca per pensare ancora a quel puzzle assordo e scomposto, mi addormentai, non prima di aver promesso a me stessa che avrei scoperto il segreto che si celava tra le mura di quel college.
Sono davvero curiosa di sapere come prosegue la storia, perché mi sono affezionata ad alcuni personaggi e la trama coinvolge molto. Sarebbe stato un libro perfetto se l'autrice avesse tagliato un po' di cose superflue, ecco. Di certo consiglierei questo libro a chiunque abbia voglia di leggere qualcosa fuori dal comune e che non rispecchia i soliti scemi della letteratura YA!


Nanw. 

sabato 13 settembre 2014

Mai Giudicare Un libro Dalla Copertina # 44

Buon sabato a tutti! Oggi ho una notizia da darvi: ho deciso di pubblicare questa rubrica a sabati alterni, perché il materiale comincia davvero a scarseggiare. Dunque, Mai Giudicare Un Libro Dalla Copertina d'ora in avanti verrà aggiornata ogni due settimane.
Siccome lunedì torno a scuola e scuola è praticamente sinonimo di autunno, ho voluto presentarvi delle copertine in tema.
Ormai è sempre così, ma i tre libri sono inediti in Italia.



La prima cover è di EVEN WHEN YOU LIE TO ME di Jessica Alcott. Una lavagna, una scritta col gesso, più scolastico di così si muore! Comunque mi piace molto come idea, e mi piace il font del titolo.
La trama non mi conquista, le relazioni insegnanti-studenti mi fanno rabbrividire (forse perché tutti i miei insegnanti avevano più di 50 anni solitamente e non riesco ad immaginarmi un insegnante sexy... no no), però è paragonato ai libri della Oliver o addirittura di John Green (non può essere COSI' bello) quindi probabilmente non è da buttare.


Trama (tradotta da me):

Charlie, una ragazza dell'ultimo anno, non è entusiasta all'idea di un altro anno di superiori. Un altro anno da vivere all'ombra della sua migliore amica, Lila. Un altro anno nascosta dietro le copertine dei suoi romanzi preferiti. Un altro anno a regolare una relazione tesa con la sua madre perfezionista.
Ma tutto cambia quando incontra il suo nuovo insegnante d'inglese. Il signor Drummond è intelligente. Irriverente. Divertente. Sexy. Tutti lo amano. E Charli pensa che sia l'unico in grado di capirla.
Pensa anche che forse non è l'unica ad avere una cotta.



La seconda cover è un po' più autunnale ed è di BOUNDLESS di Cynthia Hand. Mi piace molto questa copertina, i colori autunnali sono stupendi! se titolo e autrice vi dicono qualcosa è perché la saga è ben conosciuta negli Stati Uniti, ma con un'altra cover. Questa. 
Ho pure scoperto che il libro doveva uscire anche in Italia per Newton & Compton, ma alla fine non si è fatto nulla. Chissà perché. 


Trama (tradotta da me):

Clara Gardner ha recentemente appreso di essere in parte angelo. Avere sangue di angelo che correre nelle vene non solo la rendepiù intelligente, più forte e più veloce degli esseri umani (una parola, si rende conto, che non si può applicare a lei), ma significa che ha uno scopo, qualcosa che è destinata a compiere su questa terra.Capire di cosa si tratta, però, non è facile. Le sue visioni di un incendio furioso e un seducente straniero la portano ad una nuova scuola in una nuova città. Quando incontra Christian, che si rivela essere il ragazzo dei suoi sogni (letteralmente), tutto sembra a posto e fuori luogo allo stesso tempo. Perché c’è un altro ragazzo, Tucker, che fa appello a lato meno angelico di Clara. Come Clara cerca di trovare la sua strada in un mondo che non capisce più, si troverà ad affrontare pericoli e scelte che non penava avrebbe dovuto mai fare tra onestà e inganno, amore e dovere, bene e male. Quando il fuoco dalla sua visione infine si manifesta, Clara sarà pronta ad affrontare il suo destino?

Terza ed ultima cover è di GODDESS BORN di Kari Edgren. Okay, questa non c'entra molto né con la scuola né con l'utunno, però come colori ci stava! Non mi piace molto il font del titolo, però adoro il vestito della ragazza! *_*


Trama (tradotta da me):

Selah Kilbrid nasconde un pericoloso segreto: ha il potere di guarire.
Diretta discendente della dea celtica Brigid, è dovere di Selah aiutare coloro che ne necessitano. Ma come ultima discendente vivente dei Nati Dei nel Nuovo Mondo, ha imparato fin da piccola a tenere nascoste le sue abilità sovrannaturali. La comunità Quaker di Hopewell è sempre stata ospitale, ma non c'è alcun dubbio che la vorrebbero impiccata se il suo dono venisse rivelato.
Quando un prominente ministro la minaccia di accusarla di stregoneria a meno che lei non diventi sua moglie, a Selah rimane un'unica speranza - che il suo promesso sposo, un distante cugino irlandese, arrivi come è previsto.Sposare Samuel significherebbe mantenere il suo segreto al sicuro, preservare la sua sacra discendenza e proteggerla dall'accusa di essere una strega.
Ma quando la notizia della morte di samuel raggiunge le Colonie, Selah rimane completamente sola. Terrorizzata, affronta una scelta impossibile - perdere i suoi poteri e sposare il ripugnante Nathan? O trovare un impostore come marito e preservare il suo diritto di nascita?


Nanw.

giovedì 11 settembre 2014

Another Little Piece - Kate Karyus Quinn

Tadààààn!!! Ho cambiato lo sfondo e la grafica al blog, che ne pensate? Ora mancherebbe solo l'intestazione a cui ci penserà Alaska perché è assolutamente più brava di me in quelle cose.
 Coooomunque. Oggi vi parlo dell'ultimo libro che ho letto: Another little Piece di Kate Karyus Quinn. Ho scoperto questo libro mentre cercavo cover per la rubrica Mai Giudicare Un Libro Dalla Copertina, e... PUFF! Ho visto questa cover che mi piaceva un sacco, ho tradotto la trama ed è stato amore a prima vista.
Another Little Piece è un romanzo paranormal con delle scene che si potrebbero considerare horror, ma niente di terrificante.
Questa recensione è assolutamente FREE SPOILER perché la storia va scoperta da sé, altrimenti questo libro non ha senso di essere letto. ;)




Titolo: Another Little Piece
Autore: Kate Karyus Quinn
Prezzo: 13,01 € (inedito in Italia)
Data di uscita: 11 giugno 2013

Trama (tradotta da me):
L'agghiacciante horror di Stephen King incontra il mistero di Pretty Little Liars nell'ammaliante debutto di Karyus Quinn.
 In una fredda notte d'autunno, Annaliese Rose Gordon spunta fuori dagli alberi e si imbatte in una festa di liceali. Stava urlando. Coperta di sangue. Poi è sparita.
Un anno dopo, Annaliese viene trovata in mezzo alla strada a centinaia di miglia. Non sa chi è. Non sa com'è arrivata lì. Sa solo una cosa: non è la vera Annaliese Gordon.
Ora Annaliese è tormentata da strane visioni e ricordi frantumati. Ricordi di un avventato, disperato desiderio...un rasoio pieno di sangue...e i visi delle altre ragazze scomparse. Tassello dopo tassello, i ricordi frastagliati di Annaliese si uniscono per rivelare un violento e infinito ciclo da cui non riuscirà mai a scappare - se non riesce a sbloccare i distorti segreti del suo passato.



Valutazione

Recensione:
Era un po' che cercavo un libro del genere: il brivido della paura, il mistero, fatti inquietanti inspiegabili, e Another Little Piece ha saputo soddisfare tutti questi requisiti. 
Inizialmente ritroviamo Annaliese sperduta in mezzo al bosco che non ricorda chi sia o perché è lì. Dopo aver scoperto la sua identità, Annaliese torna a casa con i suoi genitori. Ma lei sa di non essere la vera Annaliese Rose GordonMan mano che passa il tempo, i ricordi cominciano a riaffiorare e Annaliese scopre che i suoi sospetti non sono infondati.
"Hai la minima idea di quanti cervelli abbia studiato nella mia carriera? [...]

"Settecentocinquantadue." "Oh."
"Tra questi settecentocinquantadue cervelli, solo quattro funzionavano in un modo che non sono riuscito a capire. In tutti e quattro i casi, ho determinato dopo esami estensivi che quei cervelli erano aberrazioni, tecnicamente non più umani...il tuo è il quarto cervello. E questo fa di te il mio primo mostro vivente."
Annaliese - che poi si farà chiamare Anna (un nome bellissimo) - mi è piaciuta caratterialmente: un po' cinica ma determinata a scoprire cosa le è accaduto. E' un personaggio forte a cui sono accadute brutte cose. Non è perfetta, spesso si è comportata da egoista, ma posso dirvi che le cose cambieranno e imparerà ad assumersi la responsabilità di tutto ciò che ha fatto.
L'Annaliese di "prima" - quella originale - invece non la sopportavo. Moriva (letteralmente) dietro ad un ragazzo che neanche sapeva esistesse, scriveva queste poesie malinconiche e non era mai contenta della sua vita nonostante molti l'avrebbero invidiata. Un altro pensonaggio che non sopportavo era Logan, il ragazzo di cui era innamorata Annaliese prima di sparire. Un totale imbecille, lo definirei... avete presente il tipico adolescente americano che gioca in qualche squadra e si sente troppo figo ma poi non riuscirebbe neanche a lavarsi le mutande da solo senza la mamma? Ecco, questo è l'amore di Annaliese.
Fortunatamente la nuova Annaliese non ha gli stessi gusti e preferisce Dex, il suo inquietante vicino di casa. Dex vive da solo con sua madre (che non vede mai, ma proprio mai), non frequenta la scuola e il suo passatempo preferito è riprendere le persone mentre stanno per essere investite da una macchina o uccise. Detto in questo modo penserete che forse Logan non è così male, ma vi assicuro che non è così. Dex è simpatico anche se ha un po' la parlantina, è dolce ed è riuscito a conquistarmi fin da subito.
Decisi che sarebbe stato meglio evitare Dex. Lui era un ragazzo strano ed imprevedibile, e questa sembrava una pericolosa combinazione per una ragazza come me.
Inizialmente pensavo che questa lettura sarebbe stata molto più complessa, tuttavia l'inglese non è troppo difficile e le situazioni si comprendono nonostante gli intrecci prima/dopo. A fine di ogni capitolo c'è una poesia scritta dall'Annaliese di "prima" in modo da farci comprendere meglio chi fosse in realtà questa ragazza. Non sono un granché come poesie, però rendono bene l'idea dell'adolescente tormentata.
I miei fallimenti di oggi non sono la misurazione dei miei successi di domani.
Il finale penso di non averlo ancora capito del tutto... è stato un po' confusionario e criptico. Penso sia finito al meglio, ma non posso dire di esserne certa, nonostante lo abbia letto e riletto almeno una decina di volte.
Le cose non vanno come le hai programmate. E anche se lo fanno, non sono come le avresti immaginate.
imageNon penso che questo sia un libro per tutti. A me gli intrecci misteriosi e inquietanti piacciono da morire, ma molte persone potrebbero trovare in questo libro solo una gran confusione. Lo consiglierei agli appassionati di paranormal/horror, quelli che hanno amato Mara Dyer certamente apprezzeranno questo racconto davvero originale e unico nel suo genere



Nanw.

mercoledì 10 settembre 2014

W... W... W... Wednesdays #11

W... W... W... Wednesdays è una rubrica ideata dal blog Should Be Reading e per partecipare basta rispondere a queste tre semplici domande: 

  • What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)
  • What did you recently finish reading? (Cos'hai appena finito di leggere?)
  • What do you think you’ll read next? (Quale sarà la tua prossima lettura?



 Nanw:

Cosa stai leggendo?


Ho deciso di cominciare questo libro al posto di The One e mi sta piacendo per ora. Nei primi capitoli ci sono un po' troppi personaggi e ho fatto un po' di confusione, ma la storia prende e sei curioso di scoprire i misteri che si celano dietro le mura del Caledon College Institute.

Cos'hai appena finito di leggere?

Solo da ieri sono una ragazza libera di leggere qualcosa che non sia il libro dei test per l'università, quindi ho avuto una settimana di blocco e l'ultimo libro che ho letto è ancora Another Little Piece. Se ve lo state chiedendo sto scrivendo la recensione in questo momento, quindi presto potrete sapere di che si tratta.

Quale sarà la tua prossima lettura?


Beh, siccome alla fine ho deciso di leggere Underworld al posto di questo, The One scala di una posizione e sarà il prossimo. Sta volta davvero.

Alaska:

Cosa stai leggendo?



The Maze Runner. Sono solo all'inizio (in questi ultimi giorni non ho molta voglia di leggere *sigh*) e... Carino. Ma fin ora niente di eccezionale. Il protagonista è un pò piattolone, gli altri personaggi sono al limite del sopportabile. Spero si riprenda con l'andare avanti, che già non ho voglia di prendere in mano un libro, figuriamoci di leggere cagate, pardon, letture che non incontrano il mio gusto U.u


Cos'hai appena finito di leggere?


Shadowhunters, le Origini: Il principe. Senza parole, davvero. Penso che, quando finirò la trilogia, posterò una piccola recensione con le mie impressioni, perché non si può di certo lasciar correre una saga del genere. LA AMO. CASO CHIUSO. JEM SPOSAMI. WILL... SPOSAMI ANCHE TU. C'è posto per tutti nel mio harem... Ho giusto due cuccette libere tra quelle di Magnus e di Jace U.u Ok, basta Alaska. Spaventi il pubblico, datti un contegno. *Asciuga la bavetta*

[*Nanw* Grrr, lo mordo chi mi ruba Will... Dovrai passare sul mio cadavere, Alaska!]

Quale sarà la tua prossima lettura?

*Soffio di vento corredato di gomitolo alla film western (?)*

(A.A.A. CERCASI VERO NOME DEI GOMITOLI ALLA FILM WESTERN) Come avrete capito (forse), non ho idee per le letture future. Sì, ho una TBR. No, non mi aiuta affatto a decidere cosa diamine leggere. Poi sono troppo presa a guardare Doctor Who (sì, ho trovato un'altra droga), leggere e mangiare passano in secondo piano. Sorry but not so sorry