mercoledì 6 agosto 2014

Wrap Up & TBR - Luglio/Agosto

E' la prima volta che facciamo questa rubrica sul blog quindi spiego un po' in cosa consiste: la Wrap Up è la lista dei libri che ho letto il mese appena concluso, e la TBR è la lista dei libri che ho intenzione di leggere questo mese. Ovviamente la rubrica verrà pubblicata all'inizio di ogni mese.
Nota: se siete interessati a qualche libro della Wrap Up, cliccate sul titolo per leggere la recensione.

Nanw's Wrap Up - Luglio:

Legend - Marie Lu
Una lettura piacevole che sicuramente piacerà agli appassionati del genere distopico. 







Di Me Diranno Che Ho Ucciso Un Angelo - Gisella Laterza
Una fiaba davvero bella. La consiglio a chi ha voglia di leggere qualcosa di un po' diverso. Vi avverto però, se non avete voglia di soffermarvi a pensare su ciò che leggete, questo libro non è per voi. Di Me Diranno Che Ho Ucciso Un Angelo va prima di tutto ascoltato e poi capito per poterlo apprezzare.




Le Cronache di Magnus Bane, Cosa Accadde In Perù - Cassandra Clare e Sarah Rees Brennan
Il primo breve (appena 68 pagine diceva il mio Kindle) racconto sulla vita di Magnus Bane, lo stregone di Shadowhunters. E' stato molto divertente, mi piace il rapporto che hanno Magnus, Catarina e Ragnor. L'unica cosa che mi ha fatto storgere il naso è che avevo come la sensazione che le scene saltassero da una parte all'altra senza una logica. Boh!
Poteri Spezzati - Federica NalboneQuesto libro è stata la piacevole sorpresa di questo mese. Mi mancavano gli Urban-Fantasy e sono contenta di aver scoperto per caso questo libro. Se vi piace il genere, leggetelo! ;) Io intanto ho iniziato sta notte il breve prequel sul protagonista maschile di questo libro, Dave-sbavv-Marshall! ;P 

Città Del Fuoco Celeste - Cassandra Clare
L'ultimo libro della saga Shadowhunters, The Mortal Instrument di Cassandra Clare è stato da mozzare il fiato. Il quarto e il sesto libro non mi erano piaciuti troppo, però con Città Del fuoco Celeste ho ritrovato l'amore che provavo per questa saga quando l'ho cominciata. 



 
Tiger Lily - Jodi Lynn Anderson
Questo libro non l'ho ancora finito perché il mio inglese dopo due mesi di pausa fa davvero schifo, però ho intenzione di finirlo questo mese perchè, nonostante dovessi cercare fin troppi vocaboli, il libro mi stava prendendo molto. Amo Tiger Lily, è un personaggio fantastico: burbera, coraggiosa ma in fondo sensibile. Mi ha ricordato molto Katniss.



Noi Siamo Grandi Come La Vita - Ava Dellaira
Su questo libro voglio soffermarmi un'attimo. Ho deciso di accantonarlo per il momento, il che significherebbe dargli 0 stelline. Ho pensato di liberarmene e di fargli tante cose brutte, ma amo la copertina e mi professo contro la violenza sui libri quindi è ancora lì nella mia libreria. 
Siccome non scriverò una recensione non avendolo finito, voglio approfittare della Wrap Up per spiegarvi perché l'ho abbandonato a metà. Voglio sottolineare che ciò che scriverò sarà basato su ciò che ho letto nella prima metà, quindi non mi riferisco in alcun modo al libro per intero. Se a partire da pagina 158 (io sono alla 157) il libro diventa avvincente e ai personaggi spunta un cervello (uno in comune sarebbe già qualcosa) io non lo so, ma lo spero tanto.
Il primo motivo per cui non sono riuscita a proseguire è Laurel: la protagonista dovrebbe avere 15 anni, ma sembra di leggere delle letterine scritte da una bambina di 10. E' totalmente passiva, completamente senza personalità e davvero ingenua. Se all'inizio mi andava anche bene che il libro avesse questo tono monotono per esprimere il dolore della perdita di un famigliare, man mano che proseguivo la noia mi assaliva sempre di più. A dire il vero mi è passata anche la voglia di scoprire come sia morta la sorella (anche se posso immaginarmelo). 
Il secondo motivo sono i personaggi in generale descritti dalla Dellaira: Sky è un nome non una persona, è completamente piatto; Hannah e la sua amica (oh mamma non mi viene il nome!) sono forse i personaggi meglio delineati anche se vengono ripetute sempre le stesse cose; i due amici fattoni/hippie non mi dicono nulla. 
L'idea delle lettere poteva essere anche carina però la totale passività di Laurel rendeva il tutto noioso e monotono. Inoltre sembrava che venerasse tutti quei personaggi quando la metà li aveva scoperti il giorno prima.
Penso che l'autrice abbia voluto inserire troppi temi scottanti nel libro e il risultato è stato un pasticcio. Ho dovuto abbandonare il libro altrimenti mi veniva un'ulcera: non mi era mai successo che un libro mi rendesse talmente nervosa da non riuscire a chiudere occhio, ma Noi Siamo Grandi Come La Vita ci è riuscito. Capite che l'ho dovuto fare per la mia salute mentale? Detto ciò, a molte persone è piaciuto molto quindi non fatevi impressionare troppo dal mio giudizio. Penso che questo libro non fosse proprio adatto a me, ma non è detto che sia così per tutti.


The Trap - Andrew Fukuda
Wow, ho finito questo libro da poco e mi ha lasciato una strana euforia. Mi è piaciuto molto anche se un paio di cose potevano essere riviste meglio. Vi spiegherò tutto a breve nella mia recensione!








Alaska's Wrap Up - Luglio:


Tienimi con Te - Jessica Sorensen: eh già, mi sono fatta attirare anch'io dai New Adults di Jessica Sorensen, che sono approdati in Italia proprio in tempo per l'estate, che si sa, è perfetta per questo genere.
Il primo libro, che ho letto a Giugno, mi è piaciuto moltissimo, anche se ricalcava fin troppo i soliti cliché che ormai spopolano nel genere.
Questo secondo volume... Carino, ma niente di più. Di certo non mi è rimasto praticamente nulla, dato che non ricordo grandi porzioni della trama O.O



The Sandman - Neil Gaiman (dall'1 al 5): non sono una grandissima amante dei fumetti, ma, dopo aver iniziato questa saga, le mie convinzioni sono decisamente crollate. La trama di base è così intrigante che da sola basterebbe per rendere grande l'opera; accanto a questa però, troviamo disegni, personaggi, situazioni mozzafiato, che soltanto il genio di Neil Gaiman avrebbe potuto creare. Non vedo l'ora di continuare a divorarmene uno dopo l'altro, anche se non vorrei finissero troppo in fretta. 



Fables - Bill Willingham: altro fumetto molto carino, che ricorda molto 'Once Upon a Time'. Anzi praticamente ha la stessa trama: le favole sono vive e si sono rifugiate nel nostro mondo per sfuggire ad un cattivo con manie dittatoriali. Devo ammettere di non aver visto molte puntate di questa serie tv, che mi ha entusiasmato poco o niente, però il fumetto mi è parso molto interessante e forse la riprenderò prima o poi.
Adoro Biancaneve e Wolf *___*





Point of Retreat - Colleen Hoover: un altro secondo libro di una serie, il cui primo volume mi è piaciuto moltissimo. Anche questo, però, come nel caso della Sorensen, mi ha lasciato un po' l'amaro in bocca.
La scrittura della Hoover è sempre magistrale, coinvolgente e poetica, ma il punto di vista, del personaggio maschile questa volta, non mi ha catturato più di tanto. Quello che mi era parso un gran bel personaggio in questo libro mi ha decisamente stufato. La storia, purtroppo, subisce un po' la maledizione del sequel, a tratti noiosa ed un po' estremizzata. Forse, sarebbe stato meglio se la scrittrice si fosse limitata allo stand alone. Ma è stata comunque una lettura godibile, anche per l'introduzione di gran bei nuovi personaggi. ( Kiersten **)



Il Signore degli anelli: La compagnia dell'anello - J. R. R. Tolkien: di questo libro ha già parlato abbastanza nella recensione, quindi vi rimando a quella.
Vi posso dire che è un ottimo inizio di saga e che non vedo l'ora di continuare l'avventura con i seguiti.


Io ti guardo - Irene Cao: ed ecco il libro nì del mese. Né si né no, ma più no che sì.
È un libro che si legge molto in fretta, figlio del suo genere (erotico), quindi si sa cosa ci si può aspettare. La storia è abbastanza originale, ma poco godibile a causa, soprattutto,  del carattere inesistente della protagonista, pezza da piedi di prima categoria, anche peggio di Bella Swan, e dell'irritante protagonista maschile. Non credo continuerò la saga.


Perché ci siamo lasciati - Daniel Handler: ho visto questo libro in molte recensioni di Booktubers inglesi e mi ha sempre incuriosito molto, soprattutto per la correlazione immagine-testo. Infatti questo libro si basa su immagini, illustranti oggetti che hanno fatto da sfondo alla relazione di due ragazzi, uno più insopportabile dell'altro. È una lunga lettera scritta da Min, la protagonista femminile, che spiega all'ex ragazzo quali sono i motivi per cui si sono lasciati. Scontato, noioso, poco emozionante. Non lo consiglio per niente.

Guida galattica per autostoppisti - Douglas Adams: tecnicamente ho finito questo libro il 1 Agosto, ma il grosso l'ho letto durante Luglio, perciò lo considerero un libro del mese passato.
Non mi ha dato niente. Divertente nella sua ironia e nel suo cinismo, ma niente di più.
Forse non sono tipa da fantascienza, so solo che sono arrivata a chiedermi cosa ci trovino le persone che inneggiano al capolavoro. Se sei una di queste, ti prego illuminam
i.




Nanw's TBR - Agosto:

Le letture che vorrei fare questo mese sono queste:



Come dicevo prima, sono assolutamente determinata a finire Tiger Lily! Red continuo a dirlo che voglio iniziarlo e lo avrei fatto se l'altro giorno non mi fossi ritrovata senza ebook in un momento perfetto per leggere. Alla fine ho dovuto optare per Angel perché era l'unico che avevo sul cellulare.
Poi c'è i Segreti di Coldtown che fa la polvere nella mia libreria da mesi e mi dispiace un sacco perché la cover è davvero bella. E infine Mystic City, il quale mi è stato regalato per il mio compleanno da due miei amici (grazie grazie!).
Ma non è finita qui. Siccome i libri in lingua sono più impegnativi volevo approfittare delle vacanze per leggerne un po' e nella lista ci sarebbero The One (Kiera Cass) e Girl Of Nightmares, il seguito di Anna Vestita di Sangue (Kendare Blake).



Alaska's TBR - Agosto:

In agosto sarò molto impegnata a fare i compiti per scuola e quindi a leggere i libri che mi hanno assegnato; in più ho preso un brutto virus delle vie respiratorie e, con la febbre, l'ultima cosa che ho voglia di fare è mettermi a leggere. YAAAAAY.

Quindi, credo proprio che i miei grandi progetti si ridurranno ad un pugno di mosche.




Devo assolutamente finire Allegiant di Veronica Roth, che ho iniziato qualche giorno fa e che mi aveva preso molto ma che non riesco a leggere a causa della febbre. Un altro libro da finire è Il Drago come Realtà di Silvana De Mari, che devo leggere per psicologia, come L'Emilio di Rosseau, un malloppone che giace sul mio comodino in attesa di tempi migliori. Per inglese mi attende A Christmas Carol di Charles Dickens, nell'edizione Black Cat (che riesce sempre a farmi sentire una deficiente -please bitch, capisco l'inglese meglio di te).
Come lettura di piacere, che credo di riuscire a ficcarci in mezzo, ci sono Ricordo di Jane Austen, biografia della famosa scrittrice tramandataci dal nipote, e Romeo e Giulietta di William Shakespeare.

Nessun commento:

Posta un commento