lunedì 24 marzo 2014

L'Alchimista - Paulo Coelho

Buon giorno lettori! Oggi vi ho fatto la recensione di un libro molto carino, profondo e anche un po' filosofico. Il titolo del libro è "L'alchimista" di Paulo Coelho. Su questo libro hanno anche fatto un film, che purtroppo non ho visto.Ma mi attira molto quindi è nella mia lista dei film da guardare.

Trama:
L'alchimista è la storia di un viaggio straordinario che porterà Santiago, pastorello andaluso e protagonista del racconto, fino in Egitto. A spingerlo a compiere questo lungo viaggio è un sogno che fa per la seconda volta, in cui un bambino gli dice di andare fino alle piramidi d'Egitto perché lì troverà un tesoro. Ma sarà l'incontro con il re Melchisedec travestito da vecchio, che gli regala Urim e Turim (due pietre che indicano il cammino da compiere), che lo convincerà definitivamente ad intraprendere questo viaggio. Deciso nella sua decisione, vende le sue pecore e parte, ma arrivato a Tangeri è derubato di tutti i suoi averi ed è costretto a restare in quella città per un anno lavorando duramente. Diventato ricco, riprende il suo viaggio.

Si unisce così ad una carovana diretta verso l'Egitto, dove incontra un inglese che, dopo aver passato la sua vita a studiare l'alchimia, spera di trovare un saggio alchimista nell'oasi di El-Faiyûm. Qui Santiago incontra l'amore: una ragazza di nome Fatima che è però costretto a lasciare con la promessa del suo ritorno per continuare il suo viaggio. Durante il suo percorso verso le piramidi, grazie all'incontro con un saggio alchimista, imparerà a...


Valutazione: 4 

Recensione:
Inizio dicendo che questo la copertina è davvero carina, un po' infantile ma che rispecchia totalmente il libro e la trama. Infatti si riprende la semplicità della trama,visto che si narra dei viaggi di un pastore, e anche lo stile non elaborato con cui è scritto il libro. La scrittura, per questo, è molto scorrevole e molto descrittiva, visto che si descrivono i meravigliosi paesaggi naturali(ma su questo ci torneremo dopo).
 Parlando di questi paesaggi, si può dire che sono molto affascinanti. Viene descritta un'Africa da una prospettiva diversa, quella di un pastore.e per questo vi innamorerete dell'Egitto, dell'Arabia e di ogni singolo luogo visitato dal pastore. Anche soltanto la casa in rovina con il cielo stellato come soffitto oppure il deserto infuocato.

"Bisogna che prestiate più attenzione alle carovane" disse il ragazzo all'inglese, dopo che il cammelliere se ne fu andato. "Fanno molti giri, ma si dirigono sempre verso lo stesso luogo."
"E tu dovresti leggere qualcosa di più sul mondo,"risposte l'inglese. "I libri sono tali e quali le carovane"

Questo pastore è solo un ragazzo che, attraverso il potere della scelta, le difficoltà e le possibilità mancate, arriva ad un traguardo della sua vita che non si sarebbe aspettato di raggiungere. Tutto questo è accaduto soltanto grazie al rischio al quale il protagonista va incontro pur di realizzare il proprio desiderio. Dopo aver fatto questo, si deve continuare a lottare per esso, senza mai fermarsi e senza farsi abbattere dalle avversità perché, talvolta esse servono appunto per farti giungere più velocemente al tuo fine, che può trovarsi proprio sotto il naso. Ciò il pastore lo comprende dopo aver conosciuto un uomo saggio, che non si sa bene chi sia, ma leggendo il libro si intuisce.
Oltre a questo, una cosa fondamentale del libro è un tema in particolare: la religione. In questo romanzo è molto presente la speranza in un qualcosa di superiore, ma che può risiedere anche in noi stessi. Infatti non sempre la forza si trova oltre le stelle (destino forse?), perché può risiedere dentro di noi. Essa ha un nome preciso: forza di volontà.

Tutto ciò che accade una volta, potrebbe non accadere mai più. Ma tutto ciò che accade due volte, accadrà certamente una terza. 

Con tutti questi riferimenti all'universo "interiore" e alla filosofia, questo libro mi ha letteralmente conquistato. Ti insegna la potenza del destino, la tua possibilità di cambiarlo con la semplice scelta di una pietra e il coraggio. Quest'ultimo aspetto credo sia l'aspetto del libro che preferisco.
Da come avete capito, mi è piaciuto tutto di questo libro e non vi è nulla che da criticare. Eppure non si guadagna il punteggio pieno perché gli manca un qualcosa,non so bene cosa.

"Ebbene, questo è l'unico consiglio che ho da darti",concluse il più saggio dei saggi. "Il segreto della felicità consiste nel guardare tutte le meraviglie del mondo senza mai dimenticare le due gocce d'olio nel cucchiaino"

Non voglio concludere con questo lato negativo del libro e quindi vi dico l'ultima cosa. Questo libro vi conquisterà, facendovi riflettere e mostrandovi un altro lato della vita che fino ad ora non avevate minimamente considerato!

Ronnie

Nessun commento:

Posta un commento