martedì 4 febbraio 2014

Ti Aspettavo - J.Lynn

Trama:

L’università è la sua via di fuga. Per troppi anni, dopo quella maledetta festa di Halloween, l’esistenza di Avery Morgansten è stata un incubo, e adesso lei può finalmente ricominciare da capo. Tutto ciò che deve fare è arrivare puntuale alle lezioni, mantenere un profilo basso e – magari – riuscire a stringere qualche nuova amicizia. Quello che deve assolutamente evitare, invece, è attirare l’attenzione dell’unico ragazzo che potrebbe mandare in frantumi il suo futuro…
Cameron Hamilton è il sogno proibito delle studentesse del campus: fisico atletico e ammalianti occhi azzurri, è il classico ribelle dal quale una brava ragazza come Avery dovrebbe tenersi alla larga. Eppure Cam pare proprio spuntare ovunque, col suo atteggiamento disincantato, le simpatiche punzecchiature e quel sorriso irresistibile. E Avery non può ignorare il fatto che, ogni volta che sono insieme, il resto del mondo scompare e lei sente risvegliarsi quella parte di sé che pensava di aver perduto per sempre.


Però, quando inizia a ricevere delle e-mail minacciose e delle strane telefonate notturne, Avery si rende conto che il passato non vuole lasciarla andare. Prima o poi la verità verrà galla e, per superare anche quella prova, lei avrà bisogno d’aiuto. Ma la relazione con Cam sarà la colonna che la sorreggerà o lo «sbaglio» che la trascinerà a fondo?

Valutazione: |:)| |:)| |:)| e mezzo

Recensione:

Per chi di voi ha già letto i libri dell'Armentrout (che per questo libro ha scelto di chiamarsi J.Lynn), troverete una scrittura molto diversa e piena di momenti romantici e moooolto spinti..
Si tratta ovviamente di un romanzo new adult che in questo momento sta andando molto anche in Italia e devo dire che se prima di leggere questo libro non avessi letto “Uno Splendido Disastro”, probabilmente l'avrei apprezzato meno. In realtà per questo tipo di romanzi deve proprio piacere il genere altrimenti si rischia di trovarli spesso tutti uguali, pesanti e troppo smielosi e talvolta anche drammatici, ma bisogna anche cercare di leggerli con la giusta intenzione: andare oltre ai diverbi, alle feste, alle sbornie dei protagonisti e capire la loro personalità e la loro storia. Solo così riuscirete ad apprezzarne tutti i singoli momenti.

«C’è un mucchio di gente che potrei premiare con la mia presenza, ma ho scelto te.»
Era la mattina più bizzarra della mia vita. Lo guardai per un altro momento. Mi rassegnai a non poterlo cacciare da casa mia e mi sedetti con le ginocchia al petto. Presi una forchetta. «Grazie.»
«Ho scelto di credere che lo pensi davvero.»
«Lo penso!»
Sorrise. «Chissà perché, ma ne dubito.»
Ora mi sentivo una stronza. «Ti sono grata per le uova. Sono solo sorpresa di vederti qui... alle otto del mattino.»
«Be’, a essere sincero, volevo sedurti col mio pane alla banana, ma purtroppo non si può. Quindi mi restano solo le mie deliziose uova.»
Mangiai una forchettata di quella meraviglia al formaggio. «È davvero buono, ma non mi stai seducendo.»
«Ti seduco eccome.» Aprì il frigo e prese una bottiglia di succo d’arancia. Riempì due bicchieri e ne posò uno davanti a me. «Ma lo sto facendo con tale discrezione che non te ne sei ancora accorta.»

Per quando riguarda i personaggi ho trovato molto interessante la figura di Cam, che oltre all'essere il classico bel ragazzo dell'università circondato da ragazze dallo stesso aspetto splendente, non nasconde il carattere da “bravo ragazzo” che in realtà è. Infatti a differenza dei classici “stronzi ma belli” che sono un po' sempre i protagonisti per questo genere di romanzi, Cam è molto gentile, simpatico, divertente (mi sono ritrovata più volte a ridere per le sue battute!) e sempre pronto a dare tutto se stesso per le persone che ama. (Il ragazzo perfetto da presentare ai propri genitori insomma, nel caso in cui esistesse davvero qualcuno così!)

«Domani è un altro giorno.»«Che succede domani?»
«Te lo chiederò di nuovo.»
Scossi la testa. «La risposta sarà la stessa.»
«Forse sì. O forse no.» Allungò una mano e con un polpastrello mi picchiettò la punta del naso. «E forse dirai di sì. Sono paziente... e poi, ehi, come hai detto tu, non mi arrendo facilmente.»
«Fantastico», borbottai, ma... oh, santo cielo, nel mio petto c’era una vibrazione sconosciuta.
«Sapevo che l’avresti vista così.» Mi strizzò la punta del naso e io gli scacciai la mano. «Non preoccuparti, conosco la verità.»
«La verità su cosa?»
Arretrò. «Non sei pronta, eppure vorresti dirmi di sì.»
Restai a bocca aperta.
«Va bene.» Il suo sorriso si fece arrogante. «Non è facile stare con me, ma ti posso assicurare che ti divertirai.»
E poi, prima che potessi rispondere a tono, mi diede un ultimo buffetto sul naso e mi chiuse la portiera in faccia.

Per quando riguarda la protagonista femminile di questo romanzo, Avery è una diciannovenne in fuga da una vita che le è stata irrimediabilmente rovinata da un fatto accaduto anni prima. Nonostante abbia scelto di allontanarsi da quella che era la sua vita precedente cambiando stato ed evitando di chiamare persino la sua famiglia fredda e staccata, Avery non riesce comunque ancora a lasciarsi definitivamente alle spalle il passato per cominciare la vita che le spetta; una vita fatta di momenti magici, di amicizie e di amore.

«Buonanotte, Avery.»
E poi mi baciò. Mi baciò come mi aveva baciata subito prima di andarsene la sera del nostro appuntamento. Mi baciò come se fosse in debito d’ossigeno e io fossi l’unica aria che aveva bisogno di respirare. Mi tenne la mano sul collo, mi tenne sollevata sui gomiti mentre la sua bocca divorava la mia. E quello era l’unico verbo che descrivesse con precisione il modo in cui mi baciava.
Cam mi divorava. 

Avery però non è la sola a nascondere un passato fatto di paura e vergogna, poiché anche Cam nasconde parte della sua vita passata ad Avery e sarà proprio il fatto di non riuscire totalmente a fidarsi l'uno dell'altra che rovinerà la loro storia d'amore.

Cosa pensi che stia dicendo, Avery? E' evidente che hai dei problemi e, no, non guardarmi come se avessi preso a calci il tuo cagnolino. Credi che ti lascerei per quello che ti è successo, qualunque cosa sia? Così come credevi che avrei cambiato opinione su di te se avessi visto la cicatrice? So che lo pensi, ed è una stronzata.” Nella sua voce c'erano dolore e una rabbia cocente. “Come possiamo avere un futuro se non riesci a essere sincera con me? Se non puoi credere che i miei sentimenti per te siano abbastanza forti, allora non c'è niente tra noi. E' questo che fa finire le relazioni. Non il passato, Avery, ma il presente.”

La vicenda ruota principalmente attorno ad Avery e a Cam, ma anche gli altri personaggi sono costruiti bene e hanno un ruolo fondamentale nella storia.
In sé la storia mi è piaciuta anche se essendo un libro di Jennifer Armentrout, che io adoro per la serie Lux, sono rimasta un po' delusa perché non ho ritrovato la stessa scrittrice che avevo lasciato finendo di leggere Onyx (terzo libro della serie Lux).
Per concludere se vi piacciono i romanzi new adult penso che piacerà anche a voi!

Kala. 

1 commento:

  1. l'ho finito di leggere da qualche giorno, e l'ho letto in nemmeno due giorni, carino.
    unica pecca: mi ha ricordato troppo UNO SPLENDIDO DISASTRO !

    RispondiElimina