martedì 8 ottobre 2013

Taken - Erin Bowman

Buonasera! Oggi vi racconto che penso di Taken: un romanzo distopico avvincente e che sono sicura piacerà soprattutto ai fan di Hunger Games. Purtroppo non potrò inserire molti estratti da questo libro altrimenti spoilero tutto!!





Trama:
A Claysoot, una piccola comunità isolata dal resto del mondo da alte mura, tutti i ragazzi scompaiono alla mezzanotte del giorno del loro diciottesimo compleanno. Non appena scocca l’ora fatidica, la terra trema, il vento infuria e del giovane non rimane traccia. Ecco perché, a pochi mesi dal suo compleanno, Gray si prepara ad affrontare il terribile destino che lo attende. Ma, un giorno, trova per caso una misteriosa lettera della madre, morta ormai da molti anni, che lo spinge a reagire. Insieme con Emma, la ragazza di cui è innamorato, decide quindi di fuggire dalla città per scoprire che cosa si nasconde dietro le invalicabili mura di Claysoot. Gray non sa che là fuori lo aspetta un segreto inquietante…




Valutazione:               |:)| |:)| |:)| |:)|



Recensione:
Gray vive a Claysoot insieme al fratello Blaine, l'unico parente che gli sia rimasto. Quando Blaine il giorno del suo diciottesimo compleanno subisce il Sequestro, Gray rimane solo ad affrontare il mondo e soprattutto il suo imminente Sequestro. Infatti a Claysoot, quando un ragazzo compie diciott'anni, non si sa come, ma si alza un vento fortissimo e appare una luce accecante che fa sparire il ragazzo nel nulla. 
Dopo esser rimasto solo, Gray scopre per caso una lettera della madre indirizzata al fratello scomparso. Questa riporterà alla luce segreti mai confessati e speranza in un futuro migliore nella vita di Gray. Così il protagonista, insieme alla sua innamorata Emma, cerca di scoprire come avviene il Sequestro e cosa si celi dietro il Muro, il quale sembra sappia solo restituire i cadaveri di coloro che hanno provato a superarlo. Però, una volta oltrepassato questo confine, Gray scopre segreti inquietanti e un nuovo amore...

   Oggi è l'ultimo giorno in cui vedrò mio fratello.   Dovrei passare con lui queste ore che ci restano, invece me ne sto nel campo, a guardare un corvo che spolpa la carcassa di un cinghiale. Quell'uccello è disgustoso: lucide penne nere, becco unto. Se volessi, potrei avvicinarmi di soppiatto e tirargli il collo, spezzargli le fragili ossa tra le mani, e neanche si accorgerebbe di me. Ma non serve. Togliere la vita a quel piccolo corvo non salverebbe mio fratello. Blaine è condannato fin dalla nascita.   Come me. Come tutti i ragazzi di Claysoot.


Premetto che questo libro è decisamente sullo stampo di Hunger Games e 1984: telecamere ovunque, un pazzo delinquente con manie di onnipotenza, un bel gruppone di ribelli e il protagonista che si ritrova in mezzo a tutto ciò. Ma è meglio non generalizzare troppo come molte case editrici tendono a fare mettendo la scritta "Il nuovo Hunger Games" su ogni copertina di ogni romanzo distopico; posso assicurare che i fan di Hunger Games non gradiscono e non compreranno quel libro. Detto ciò, ammetto che la quinta stellina l'ho tolta per la palese scopiazzatura del personaggio di Katniss in versione maschile: Gray. Già, perché il nostro protagonista è un esperto cacciatore, bravissimo a tirare con l'arco ed ha un bel caratterino... io l'ho già letto da qualche parte... tuttavia, a parte queste caratteristiche che vengono descritte solo all'inizio del libro, trovo che il personaggio sia costruito bene e che la storia sia stata sviluppata coerentemente.
Mi è piaciuto per una volta leggere di un triangolo amoroso in cui è il ragazzo ad essere conteso! In questo modo non sono troppo tormentata da quella vocina che continua a ripetermi:  "Chi scelgo? Chi scelgo?"
E poi devo complimentarmi con la scrittrice per la descrizione dei personaggi maschili... no, davvero! Insomma, due fratelli (... chi leggerà il libro capirà questa parentesi) mori, uno con gli occhi grigi e l'altro con gli occhi azzurri... che vuoi di più?? 

Mi chiamo Gray, ho quasi diciotto anni e sto per morire. Perchè nel mondo in cui abito nessuno ragazzo sopravvive alla notte del suo diciottesimo compleanno. Mai io non voglio arrendermi. O non avrò il tempo di dire a Emma che l'amo.

La trama è davvero avvincente e ammetto che un paio di colpi di scena mi hanno davvero lasciata a bocca aperta. Inoltre la scrittura della Bowman è davvero scorrevole e chiara con un ritmo incalzante.
In conclusione, consiglio a tutti questo libro, ma soprattutto a coloro che come me amano i romanzi distopici che fanno venire la tachicardia fin quando non li finisci (a volte anche dopo :( )! Purtroppo il secondo libro della serie, Frozen, uscirà negli stati Uniti il prossimo 15 Aprile, il che significa che ci faranno aspettare secoli prima che esca in Italia... quindi speriamo non ci mettano troppo e incrociamo insieme le dita!

A.




Nessun commento:

Posta un commento